II Tropical Dèco di Miami Beach

art-deco-miami

Il Tropical Dèco – Art Deco è espressione francese (abbreviazione di art décoratif) che indica uno stile affermatosi negli anni Venti nel campo delle arti in genere e dell’architettura, consacrato definitivamente dall’ Esposizione lnternazionale di Parigi del 1925.

E’ caratterizzato da linee circonvolute, da simmetrie e stilizzazioni di forme floreali, sia nel campo della grafica e del design, che in quello della moda e dell’arredamento.

Nato in Francia, il movimento ebbe notevoli espressioni in vari Paesi europei e negli USA, dove assunse particolare rilievo nell’ambito delI’architettura (es. grattacielo Chrysler a New York, 1928).

art-in-miami-beach

Alla fine del primo decennio del secolo, Miami Beach fu oggetto di una speculazione edilizia volta alla valorizzazione turistica dell’isola, visti gli insuccessi che avevano avuto negli anni precedenti gli investimenti in piantagioni di cocco e di avocado: fu l’inizio di un vero e proprio boom edilizio che vide sorgere in poco tempo centinaia di piccoli alberghi e palazzine.

Gli architetti che vi lavoravano vollero allontanarsi dagli schemi spagnoleggianti dell’architettura locale, per esprimersi in un linguaggio proprio, armonioso e spensierato, che trasmettesse l’allegria e l’atmosfera del Tropico ai ricchi villeggianti venuti a svernare sull’isola.

art-deco-district-miami-beach

Lo stile da essi creato è conosciuto come Miami Beach Art Decò o Tropical Decò, in cui i temi e gli schemi dello stile europeo vengono adattati all’ambiente, con elementi decorativi ispirati alla vegetazione e all’habitat tropicale, sottolineando così il contrasto tra le città industriali del nord del Paese, nebbiose e grigie, e la luminosità solare di questo luogo di villeggiatura dall’estate perenne.

Ecco allora le esuberanti decorazioni del palazzi con forme tratte da una natura rigogliosa e raffinata, la profusione dei colon pastello, turchese, rosa, lilla, azzurro, evocativi di mari esotici e di fiori sensuali, linee da sempre appartenute all’Hotel Avalon, Hotel Ocean Five, Hotel Cavalier, Hotel Park Central e in genere in quasi tutti gli Hotels in Ocean Drive.

Durante la seconda guerra mondiale i prestigiosi hotel di Miami e Miami Beach furono occupati dall’esercito; alla fine della guerra la zona turistica si spostò verso nord e si accentuò il degrado e l’abbandono di molti edifici che esprimevano pienamente il gusto architettonico del periodo tra le due guerre.

Nel 1979 il quartiere Decò con i suoi 500 edifici, fu riconosciuto di interesse storico-artistico e si costituì la Miami Design Preservation League per la salvaguardia della “capitale mondiale dell’Art Deco”.

classic-art-deco-style-of-miami

Molti investitori stanno recuperando e restaurando innumerevoli piccoli hotel tra le 20 e 50 camere, trasformandoli anche in mini-appartamenti; sebbene sia sfumato in parte il fascino di un tempo, il quartiere emana ancora una brezza di spensierato romanticismo.

La maggior parte dei turisti europei che si recano in Florida, atterra all’aeroporto Internazionale di Miami, il più importante scalo per i voli che giungono dal vecchio continente.

Il primo impatto è dunque con Ia città-simbolo della Florida, che riassume ed accentua in meglio molti degli aspetti delle città americane. Le grandi strade sono sempre distese nel verde tropicale, fiancheggiate da ville e villette immerse in giardini che sembrano serre; I grattacieli in downtown dal design perfetto e recentissimo, sono stati realizzati in modo che riflettano e valorizzino al meglio la luce ed i colori, in uno spettacolare effetto di specchi, vetri, volumi.

Ultimamente si sono approvati e costruiti nuovi grattacieli in questa zona che sta diventando il centro d’affari di Miami.

miami-downtown

La spiaggia di Miami Beach, ritenuta nel 2008 la migliore spiaggia urbana al mondo, è grande, bianca, pulita, con alle spalle i deliziosi edifici del Decò District, di SoBe come amano chiamarla i residenti, dai delicati colori pastello.

Miami Beach, la vacanza sognata da milioni di Americani, sinonimo di ricchezza, di divertimento, di spiagge dorate, di ville miliardarie, città in cui le palme e i giardini crescono tenaci in mezzo al vetro ed al cemento dell’avveniristico centro finanziario; ma anche città di scontri razziali, di quartieri ghetto, centro mondiale dello smistamento della droga e del riciclaggio del capitali sudamericani ad essa legati, ponte naturale tra il Nord ed il Sud America.

the-beach-of-miami

La Florida è una terra ricca, dove la ricchezza si avverte palpabilmente, ma è anche terra di contrasti e fermenti, di incroci di cultura e di umanità: si vedono fisionomie e colori diversissimi sui volti della gente, molti quartieri delle grandi città costituiscono isole di cultura e tradizioni proprie, in cui a lingua più diffusa non è l’inglese, ma lo spagnolo, soprattutto a Miami per via dei tanti Cubani presenti.

La Florida comunque non è solo Miami Beach, non offre solo una vacanza balneare di lusso nelle opulente cittadine della East Coast, dove gli enormi panfili e le ville nascoste sono il necessario presupposto alle vacanze dell’America che conta.

E una terra pianeggiante, dove si viaggia per ore su strade incredibilmente larghe e incredibilmente diritte; si corre verso un orizzonte piatto ed enorme, in mezzo a distese senza fine di erbe palustri o a foreste di cipressi e mangrovie affacciate sui canali, in una indescrivibile varietà di verdi accesi dal sole tropicale.

Poco lontano dalle metropoli si estendono alcuni dei più importanti Parchi Nazionali del Paese, tra cui Everglades, vero santuario della natura, tra i più ricchi del continente per specie animali e vegetali.

Il turista vi si accosta in una dimensione quasi irreale, correndo sulle airboat in mezzo a distese d’erba altissima, a perdita d’occhio; tra i cipressi slanciati spuntano qua e là distese d’acqua, stagni e laghetti coperti di ninfee ed altre erbe acquatiche; nelle paludi costiere, veri labirinti di intricate mangrovie, vivono indisturbati alligatori, procioni, uccelli di svariatissime specie e tanti altri animali, in un delicato equilibrio che può bastare poco per alterare.

II Parco Marino di Biscayne offre un habitat di grande interesse per gli amanti dell’immersione e dell’esplorazione subacquea, che si può effettuare anche lungo le coste delle tante isole, in particolare delle bellissime Keys a sud di Miami Beach.

ii-parco-marino-di-biscayne

Queste isole si stendono come un ponte naturale tra il Nordamerica ed i Caraibi e, ad una dolcissima natura tropicale, uniscono il fascino di tutte le terre di confine, di crocevia tra mondi e culture diverse; vi si respira un’atmosfera indolente ed informale, allegra e libera, che ha richiamato sempre l’umanità più varia, intellettuali, giramondo, bohémiens in cerca di emozioni, diseredati e miliardari.

II giorno le barche partono per la pesca d’altura o per le immersioni nei ricchi fondali tropicali; la sera, tra i canti e l’allegra confusione delle notti calde e stellate, si improvvisano spettacoli, si balla, si suona ogni tipo di musica, dal country al reggae, dal rock al merengue, dall’hip-hop alla commerciale.

party-miami-beach

Chi è attratto dalla tecnologia e dalla scienza si può tuffare nell’affascinante mondo delle esplorazioni spaziali al Cape Kennedy Space Center: la vista delle rampe di lancio, dell’enorme razzo vettore Saturno o del museo degli Astronauti, costituisce una emozionante esperienza di contatto con I’avventura del futuro, decisamente unica.

A poca distanza da questo mondo razionale, l’irreale regno della fantasia di Disney World ad Orlando, a circa 3,5 ore in auto da Miami Beach, è un’immancabile tappa, ineguagliabile per i bambini, ma divertente anche per gli adulti.

Andando verso nord l’atmosfera dei Tropici si affievolisce nell’ordinata campagna del Panhandle (detto appunto per a sua forma stretta e lunga “manico di padella”) così simile a quella del “profondo sud “statunitense: le fattorie ordinate e le belle dimore in stile “Old America” si susseguono nel paesaggio ordinato che corre verso I’Atlantico, sparso di agrumeti e campi di cotone; qua e là, tranquille ed operose cittadine, tra cui St. Augustine, il più antico insediamento degli Usa, tutta protesa nel culto della sua breve storia di città del Nuovo Mondo.

InsideMiamiBeach.com, like no other.

Comments are closed.